fbpx

COME RENDERE PIÙ VELOCE UN VECCHIO PC FISSO

In questo articolo cercheremo di capire come velocizzare un vecchio pc fisso. Con questi consigli cercheremo di recuperare un pc lento e non adatto alle varie esigenze. Le nuove configurazioni moderne,sono composte da doppia archiviazione, un hard disk meccanico ed uno solido. Esistono due diversi tipi di tecnologie:

  • disco magnetico rotativo (chiamato anche HDD): dove dei piatti (tipo giradischi) magnetici girano ad alte velocità (5400, 7200 o 10000 rpm/giri al minuto). I portatili hanno di solito 5400 rpm, i computer fissi 7200 rpm, i server 10.00 rpm. Gli rpm incidono – ovviamente – anche sul prezzo.
  • dischi allo stato solido (SSD – Solid State Disk): ovvero nessuna parte in movimento, sono memorie allo stato solido, in pratica delle grandi chiavette USB.

Differenze tra SSD e HDD

Le principali differenze sono:

  • Velocità: un SSD ha una velocità notevolmente maggiore, si parla anche di decine di volte, che come effetto ha il raddoppio di velocità del vostro computer (per capirsi, invece di avviarsi in 30 secondi, si può avviare in 10).
  • Tipo di rottura: i dischi magnetici si rompono “lentamente/gradualmente”, spesso lo si nota anche dal rumore metallico, e con alcuni software è possibile monitorare lo stato in anticipo, con sw tipo CrystalDiskInfo. I dischi SSD degradano più velocemente, e anche se si possono monitorare, la rottura può essere istantanea. Ma non preoccupatevi, può capitare comunque in entrambi i casi. Lo dico solo per giustificare la spesa in prodotti di più alta qualità, invece che cercare di risparmiare 2 euro. Un disco SSD comunque ha una durata media (molto) maggiore di un disco magnetico.

MIGLIORARE LA VELOCITA’: IL CONSIGLIO

Per migliorare le prestazioni di un pc fisso,il nostro consiglio è quello di aggiungere un SSD.

Per poter aggiungere un SSD, consigliamo i seguenti passaggi:

  1. Controllare se hai a disposizione i giusti cavi per il montaggio. Occorrono un cavo di alimentazione e un cavo dati sata
  2. Controllare se il case ha a disposizione uno slot per un ssd (2.5”). Nel caso in cui non è presente, occorre un adattatore da 3.5” per inserire un SSD da 2.5” in uno slot da 3.5”.
  3. Montare l’SSD
  4. Entrare nel BIOS e impostare l’SSD come disco primario
  5. Installare il S.O. sul nuovo supporto

Lascia un commento

Chiudi il menu
×

Carrello

20€ di sconto

REGISTRANDOTI SUL NOSTRO SITO